“Definisci amore” – mi dice ieri mio padre via skype.

Oh Dio!

“Papà dai, ma che domanda é?! Se gli scrittori, i filosofi, i poeti, anche gli scienziati da secoli cercano la risposta a questa domanda e non si è mai arrivati da nessuna parte! O meglio, ci sono tantissime risposte per ognuno di noi. Ecco per esempio, per te che cos’é?”

“Non esiste” – dice – Guardati intorno. E’ una cosa puramente egoistica. Nessuno sa amare davvero l’altra persona. Ti amano (ma è anche inappropriato usare questo termine) perché LI fai stare bene. Perché tu a loro dai qualcosa. Perché anche quando fanno qualcosa per te lo fanno perché fa stare bene loro.”

E inevitabilmente mi vengono in mente le chiacchiere con le amiche, le loro lamentele, i sospiri e sempre la stessa domanda che conclude ogni discorso: “Ma che cosa è successo agli uomini?”. Come mi vengono in mente anche i miei amici uomini che a volte mi lasciano a bocca aperta con le loro risposte, definizioni e difese. E il terrore che si nasconde dietro quel “Io sto bene così”.

“Eh vabbè, si sa che gli uomini italiani sono tutt’un altra cosa” – mi dice Marija, mia amica di Belgrado, sempre via skype.
“Hmmm…. cioè?”
“Sono galanti, sanno come si tratta una donna, sono bravi a letto, ti portano fuori e pagano loro, ti aprono la porta, sono gentiluomini, sanno corteggiarti, son…” – continuerebbe ma io la interrompo: “Ferma li! Sai che hai elencato un sacco di luoghi comuni e sai che quasi nessun uomo che conosco è così?!”.
“No dai, ma se neanché italiani sono così allora come sono?!” – la voce di Marija è quasi disperata.

Dunque come sono davvero?

Luca mi dice che ha chiuso con amore e con il sesso. E che anche se ha dei bisogni fisiologici, pazienza. Non gli va di “svagarsi” così, giusto per fare sesso. Lo annoia e quella fase è superata da tanto. La fidanzata storica gli ha congelato il cuore. Il youporn non lo potrà mai fare.

Fede mette subito le mani avanti anche se nessuna gli chiede nulla. “Meglio prevenire” – dice. (Ma prevenire cosa?!) e quindi aggiunge che lui sta bene così, che è uno che non si lega, che sparisce. (Dio bono, due palle! – esclama Michela quando glielo racconto).

Davide non è pronto per la storia seria. Quindi lui, con le trombamiche sta bene.

Fra ha una donna fissa che tradisce regolarmente con una decina di quelle “non fisse”.

Mauri è un ex bravissimo marito modello che improvvisamente ha deciso, lasciando la totale devastazione dietro di se, che deve vivere la sua gioventù mai vissuta.

E Stè, il mio miglior amico Stè, quando parla del suo compagno Ale dice: ”Ma sai, Ale è un tesoro, davvero, è un cucciolo, tenerissimo, gentile (Dio, sembra che parli di un cane)… ma com’era Filippo non lo sarà mai nessuno!!!” (Tanto per intenderci, con Filippo quasi spaccava i mobili in casa per la passione, e spero tanto che Ale non leggerà mai questa cosa!).

E poi molti quando ti dicono: “Pago io”, sembra che ti stanno facendo il favore del secolo. I fiori non esistono più, le piccole attenzioni sono una perdita di tempo, il calore della voce si sostituisce con le parole fredde digitate sul computer, il sesso virtuale via schermo si preferisce alla pelle contro pelle, alle gambe e braccia intrecciate, ai profumi e il sudore. Perché il fare amore non esiste più ma quello che succede tra due persone ormai ha un atro nome.

Perché si mantiene il distacco. Lo spazio personale.  La libertà. Gli uomini, come li intendo io, conosco davvero pochi. E non parlo neanche di quelli con la U maiuscola.

Quindi Marija: No, gli uomini italiani non sono quello che pensi tu. O almeno non più. Ma non penso sia una cosa solo italiana.

E no papà, non so dirti cose è l’amore perché più ci penso più mi sa che hai ragione tu. E capisci che mi e difficile ammetterlo.

ps.

Oggi Efisio, il barista del condominio 54 è un pò giù anche se canticchia la canzone che si sente alla radio, ripetendo “Dov’è l’amooooreee”.

“Che c’è Efi?” – gli chiedo.
“No, niente…” – sospira.
“Dai, dimmelo… Le pene d’amore?”
“Mah sai, è quando assaggi una cosa, e ti piace e poi te le negano. Ecco.”

Oh signur. E poi vai a generalizzare. Anche se non sono tanto sicura a cosa si riferisce quando parla di quell’assaggio!

italiansdoitbetter

Share: