Eli ed io ci siamo messe d’accordo per una cena a casa sua. Ognuna compra degli ingredienti e poi si cucina. Avete presente quelle belle scene da film in cui due donne ridono, scherzano e tagliuzzano il cibo bevendo un bicchiere di vino? Ecco, proprio questo.

All’ultimo minuto Eli mi telefona e mi chiede se ho tempo per passare al super (anche questa è milanese si… è solo super, a cosa ci serve: mercato, tanto si capisce!) e a prendere un po’ di kurkuma, quinoa, seitan e tempeh, bulgur e olio evo.

Eh?!

Eli ripeti. Sono rimasta all’era della pietra” – le dico – “Sono arrivata a sapere cosa è il farro, la segale, ed anche la curcuma e il seitan ma qua ammetto che devo consultare wikipedia. Manco so come si scrivono alcune cose!

E poi” – aggiungo – “devo andare al super su Marte, pensi che c’avranno tutte queste cose in un negozio normale?!

Eli è una super salutare, conosce tutte queste cose, sa a cosa servono, conosce le origini. Alla fine abbiamo mangiato davvero bene. E abbiamo parlato di tutte quelle persone che vanno nei negozi di alimenti naturali, comprano un sacco di roba, cercano di convincerti che le devi a-s-s-o-l-u-t-a-m-e-n-t-e mangiare e quando gli chiedi di spiegarti cosa è tempeh o quinoa le risposte sono: Beh… piante?! Cereali?! Semi di soya?!

A Milano quasi tutti stanno diventando salutisti e davvero pochi sanno cosa mangiano.

Ma è fico! E non parliamo del frutto!

cenavegetariana2

Anche se devo ammettere che questo non solo ha un aspetto delizioso, ma LO E’!!!

cenavegetariana3

Share: