Sono seduta/sdraiata sul divano. Ultimamente è il mio posto preferito. E’ una specie di posto di comando. Da qua comunico con il mondo, scrivo, leggo, traduco, indago, telefono. A volte ci mangio anche (ma shhhhh….non ditelo in giro!) E faccio pure la spesa. Certo, c’è qualcosa di magico nell’avere tutto il negozio (virtuale ma vale lo stesso) solo per me, dove sfoglio il catalogo, guardo, torno, riguardo, metto nella lista dei desideri, poi nel carrello, poi tolgo dal carrello… Insomma è divertente, comodo e facile. (Astenersi “mani bucate” perché può diventare pericoloso per il portafoglio). E sopratutto utile poter fare la spesa online a Milano, città nella quale, si sa, non c’è mai tempo da perdere.

E così comodamente seduta sul divano clicco su Weygo “La spesa dei milanesi”. Un servizio nuovo. Quindi da provare. E visto che un po’ milanese lo sono (anche se mi definisco straniera a Milano) inizio a passeggiare in questo supermercato virtuale che a differenza degli altri ha una parte che a me piace proprio tanto e mi colpisce immediatamente: sezione Asia (la mia passione per quella parte del mondo è ben conosciuta). E poi c’è “Fuori tutto”, “Sconti al 50%” ecc.

Weygo è comodo, ha una grafica semplice, intuitiva, ti avvisa se stai mettendo nel carrello qualcosa che scade tra poche ore, ti suggerisce l’orario del giorno in cui ti potrebbe essere più comodo ricevere la spesa. Clicco, metto nel carrello, clicco, metto nel carrello…. e poi pago. E aspetto. La spesa arriva puntuale, nei sacchetti che rispettano l’ambiente, divisi in “Fresco”, “Fragile”, “Congelato” ecc. Il costo della consegna è di 3,50. Decisamente meno rispetto a quelli che usavo prima.

Provatelo. La spesa online dico. Come in tutte le cose è l’unico modo per capire se vi piace. E poi fatemi sapere.

Perché “da loro c’è” (come recita lo slogan).

P.S. Fatemi  sapere se l’avete fatto dalla scrivania, dal letto, dal wc (ma certo, ci sono anche quelli!) o dal divano, o dal cellulare mentre eravate sul tram. No, non è che ha chissà che importanza, è semplicemente un sondaggio mio, una mia curiosità.

Perché, non posso fare sondaggi io?!

Share: